♥Progetto casa♥: l’ispezione del perito 

Nei giorni passati c’è stata l’ispezione che la banca esegue, tramite perito, al fine di concederci il mutuo. È un passaggio fondamentale perché la perizia determina il valore dell’immobile, secondo determinati parametri: su quello si stabilisce con precisione l’importo di denaro che potete richiedere alla banca stessa. Premetto che prima di arrivare alla perizia, dovrete presentare un infinito numero di documenti, assolutamente necessari per richiedere il mutuo; dopodiché la banca chiama il perito, che a vostre spese e con i documenti in mano, vi contatterà per venire a valutare l’immobile. 

Per chi fosse interessato, faccio un elenco veloce dei documenti che dovete fornire alla banca. Tenete presente che io acquisto, ma nello stesso tempo ristrutturo e che a richiedere il mutuo siamo io e mio marito, anche se la proprietaria sono soltanto io.

– Cud dell’anno trascorso dei richiedenti.

– Tre buste paga dei richiedenti.

– La SCIA, che si deposita in Comune, e che permette di poter iniziare i lavori di ristrutturazione.

– Atto di provenienza della casa e di tutte le parti che andrete ad acquistare (per esempio un garage), ovvero il rogito notarile.

– Tutte le planimetrie catastali relative a ciò che acquisterete.

– I preventivi (impresa edile, idraulico, elettricista, etc) per valutare le migliorie che andrete ad appartare all’immobile.

– I disegni del progetto della casa finita, di come insomma diventerà.

– Nel mio caso, la delega da parte dei miei genitori (che sono gli attuali proprietari) che mi autorizzano a procedere ai lavori in questo lasso di tempo in cui si attende di fare l’atto notarile e di conseguenza, vendere dell’immobile. 

Spero di aver messo dentro tutto, lo so lo, manca solo che chiedano gli esami del sangue, ma purtroppo è così!

In cosa consiste la perizia? 

Niente di così angosciante. La persona incaricata vi contatterà, e verrà a ispezionare l’immobile fotografandolo e misurandolo. Io ho chiesto alla mia geometra di essere presente, in caso di domande troppo tecniche a cui sicuramente avrei faticato a rispondere e ho fatto bene, perché il perito ha parlato quasi esclusivamente con lei. Dopo aver fatto questa operazione, consegnerà la perizia alla banca in una settimana circa, la banca vi contatterà subito perché dovrete pagare il servizio tramite bonifico a bancario, e con quella in mano potrete discutere la condizioni del mutuo, perciò accordarvi o scornarvi. Vi consiglio di non fermarvi ad una sola banca, e di farvi dei preventivi on line, giusto da sapere più o meno l’importo della rata mensile che poi andrete a pagare. Cercate di arrivare in banca già ben informati, perché purtroppo si sa, di certo non faranno i vostri interessi!!!!

Detto questo, se anche voi come noi state attraversando questa fase, avete tutta la nostra comprensione! A chi affronterà tutto questo in futuro coraggio, armatevi di pazienza e buona volontà, tutto si può fare, poi passata questa fase noiosa e puramente burocratica, saranno solo sosdisfazioni!

Annunci

 ♥Progetto casa♥: il mutuo 

In questi giorni è partito l’iter burocratico per la richiesta del mutuo. Preparate anche gli esami del sangue: potrebbero servire anche quelli! Scherzi a parte, ci sono un sacco di documenti da presentare, poi certo, dipende dal tipo di mutuo che andrete a stipulare con la banca, se avete già l’immobile, lo dovete acquistare o soltanto  ristrutturare. Nel mio caso, entrambe le cose, non ci siamo fatti mancare niente. La mia poi, è una situazione un pochino delicata da trattare: acquisterò lo casa dai miei genitori, in quanto di loro proprietà, di cui però è ancora usufruttuario il nonno, che però non abita più li. I miei genitori mi venderanno quindi la casa, e il nonno mi venderà il suo usufrutto. Ma se la casa e’ dei miei, perché non fare la donazione invece della vendita? Perché la banca non concederebbe il mutuo, in quanto con la donazione, il donante stesso avrebbe diritto a riprendersi la proprietà donata per almeno vent’anni, e la banca quindi non avrebbe sufficienti garanzie. Ho studiato dai, riconoscetemelo questo! Quindi, dovremmo fare un atto notarile a quattro mani: io, i miei genitori, mio nonno e poi la banca per la concessione del mutuo per acquisto. Studiata bene la situazione e una volta capito cosa fare, quali sono i documenti che la banca richiede per stipulare questo benedetto mutuo? Una marea!!!!! 

– Codice fiscale dei richiedenti (in questo caso io e mio marito, anche se la proprietaria dell’immobile saro’ soltanto io, richiederemo entrambi il mutuo alla banca)

– Le ultime tre buste paga di entrambi i richiedenti

– L’ultimo CUD di entrambi i richiedenti

– La visura catastale dell’immobile 

– Le planimetrie dell’immobile (se avete anche il garage o un terreno ci vogliono anche quelle) 

– L’atto di provenienza dell’immobile (nel mio caso l’Atto di acquisto dei miei genitori, il Rogito notarile insomma)

– La SCIA che ho depositato in Comune che mi autorizza a ristrutturare l’immobile

– L’autorizzazione da parte dei miei genitori e di mio nonno ad iniziare i lavori anche se ancora la casa non è di mia proprietà, specificando che lo diventerà a breve

– I preventivi che serviranno al perito per valutare il valore dell’immobile. 

Si perché il mutuo la banca non ve lo concede di certo sulla fiducia. Prima di approvare la vostra richiesta, dovrete presentare tutti i documenti di cui sopra, dopodiché la banca vi manderà un perito, a vostre spese, che valuterà appunto quanto vale l’immobile. Più i lavori sono avanti, più la valutazione sarà alta. Nel mio caso, i preventivi mi servono per dimostrare gli interventi che andremo a fare, e sul quale il perito potrà andare a fare una stima del valore complessivo della casa. Quando il perito farà la sua valutazione, la banca vi concederà fino all’ottanta per cento circa del valore dell’immobile stesso. I tempi di attesa sono di circa una mese, dalla presentazione dei ducumenti all’erogazione del denaro, con un iter come il mio. Tenete conto anche di questo, non avrete subito disponibilità di liquidi, per questo bisogna valutare bene anche tutte le tempistiche del caso.

A quale banca affidarsi? Come fare per guardarsi in giro? Chi vi farà il tasso di interesse più basso? In questo caso non posso darvi dei consigli, sono scelte troppo personali e delicate. Quello che ho fatto io e’ stato farmi dei preventivi on line, basta digitare su Google: “Preventivo Mutuo” e subito troverete parecchi siti che in pochi passaggi vi calcoleranno la rara che le varie banche vi proporranno. Devo dire, in base alla mia esperienza, che i preventivi fatti in rete sono quasi identici a quelli fatti in banca, quindi se volete farvi un’idea precisa di che morte dovete morire informatevi un po’ sui vari siti e poi procedere con le banche. Non fermatevi subito alla vostra, fatevi fare vari preventivi, e poi decidere cosa scegliere e cosa trattare. Se siete clienti da parecchio tempo, la vostra banca vi verrà incontro, piuttosto di perdervi. Ricordatevi che questo sono tempi duri anche per loro, quindi  potete giocarvela un pochino! 

Direi che ho detto tutto almeno credo, spero di essere riuscita a spiegarmi nel modo migliore perché non è affatto semplice. Se anche voi siete nella mia stessa situazione, vi faccio i miei più cari auguri, per dei nervi sempre forti e sani. Io ad arrivare a questo punto ci ho messo due mesi, due mesi di pura burocrazia, e tanti integratori per il cervello! A presto con le news sulla casa!