Ciambella soffice di Giorgia

Alla mia bambina piace molto cucinare con me, e a volte, quando i pomeriggi diventano pesanti e faticosi, una merenda fra un compito e l’altro è quella che ci vuole!

Oggi ha cucinato lei questa ciambella, facilissima da fare e molto buona, ideale appunto per l’ora di merenda o per la prima colazione.

Ingredienti:

3 uova intere

200 gr. di zucchero di canna

175 gr. di yogurt bianco greco

300 gr. di farina

150 ml di olio di semi

150 ml di latte

1 pizzico di sale

la scorza di un limone grattugiato

1 bustina di lievito per dolci

Preparazione:

mescolare con le fruste le uova con lo zucchero, fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungere lo yogurt, il latte e l’olio e in seguito la farina amalgamando bene il tutto. Per finire aggiungere sale, lievito e la scorza di limone.

Infornare e forno ventilato la torta a 145°C per 50 minuti circa.

Buonissima!!!

 

manu

Risotto alla zucca con funghi (chiodini)

Oggi la zucca non è stata protagonista di una minestra, ma di un risotto, cucinato da mio marito, veramente saporito e goloso. I funghi, raccolti da lui stesso e da mio papà, si sposano perfettamente alla zucca e rendono il piatto davvero squisito.

Vediamo come cucinarlo!

Pulire e tagliare a cubetti circa tre fette di zucca (quella mantovana per quanto mi riguarda è la migliore) e farle bollire per trenta minuti. Conservare l’ acqua di cottura.

Cucinare i funghi chiodini, facendoli semplicemente soffriggere con olio evo e aglio per circa una mezz’ora e tenerli da parte.

Tostare in una padella, il riso con l’olio evo e uno spicchio di aglio. Una volta fatto, sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco. Proseguire, bagnando il riso con l’acqua di cottura della  zucca e lasciare cuocere per circa quindici minuti. Aggiungere a questo punto la zucca. Vedrete che si sfalderà da sola. Una volta pronto il riso, mantecare con del formaggio a piacere.

Aggiungere i funghi, e gustare con un bel bicchiere di vino rosso!!!!

Evviva l’autunno!!!!!

Zuppa di cipolle alla francese

E’ da un qualche tempo che ho in mente di cucinare questa prelibatezza, ma per un motivo o per un altro ho sempre desistito, intimidita dall’ingrediente principale della ricetta stessa, anche se devo ammettere che le cipolle mi piacciono davvero molto.
Complice il clima freddo e umidiccio che ti fa venire voglia di un bel piatto caldo, l’altra sera ho preso coraggio e ho finalmente cucinato questa deliziosa zuppa di cipolle. Un successo! Io e mio marito ne siamo rimasti deliziati, perché è decisamente un piatto sano, economico e facile da preparare. Unica accortezza: se dovete uscire con il fidanzato, o la fate mangiare anche a lui, oppure evitate, evitate, evitate! Vediamo come fare….

 

Ingredienti per 4 persone:

500 gr. di cipolle dorate

1 noce di burro

2-3 cucchiai di olio

1 cucchiaio di zucchero bianco

2 cucchiai di farina

1 litro di brodo

½ bicchiere di vino bianco

Emmenthal grattugiato

Pane tostato (tipo toscano, pugliete o baguette)

Sale e pepe q.b.

  

 Questo piatto va passato in forno, quindi io da subito ho usato un tegame di coccio, in modo tale da eseguire la preparazione senza doverla travasare da una pentola all’altra!

Iniziare a pulire e tagliare tutte le cipolle a rondelle sottili. Farle soffriggere a fuoco basso con il burro, l’olio e lo zucchero. Attenzione a non fare bruciare le cipolle, ma a farle imbiondire. A questo punto aggiungere due cucchiai di farina e mescolare per bene. Sfumare con il vino bianco e mescolare fino a che si sia assorbito bene il tutto. Aggiungere il brodo e fare sobbollire per una quarantina di minuti, aggiungendo, se occorre, dell’altro brodo.

Abbrustolire il pane e adagiarlo sulla zuppa (a fuoco spento ovviamente!). Cospargervi sopra dell’emmenthal grattugiato o della groviera, e passare il tutto in forno già preriscaldato a 200°C per 5/10 minuti. Io ho usato il grill per ottenere una bella crosticina.

A questo punto, servite la zuppa calda e sentirete che squisitezza.

Questo, secondo me è un piatto da servire anche quando si hanno ospiti, perché è garantita l’approvazione di tutti i commensali, ovviamente se piacciono questi bei sapori forti…

Aprite le finestre dopo mi raccomando!