Buon San Valentino

Ovviamente quest’anno, il mio Valentino è lui. Non me ne voglia mio marito ma come si fa? Come si fa a non amarlo e a non essere pazze di lui? A poco più di due settimane dal suo arrivo posso dirvi che è straordinario. A parte il fattore estetico che è assolutamente personale (a chi piace nero, a chi piace rosso, a chi piace tigrato e così via all’infinito…), il suo carattere è meraviglioso. Chi afferma che somiglia molto ad un cane, negli atteggiamenti ha perfettamente ragione. Sempre vigile e attento, sempre incollato al padrone (se io cambio stanza la cambia anche lui…), affettuosissimo e disponibile con tutti. Ora poi che è ancora cucciolo ha sempre voglia di giocare e di fare piccole marachelle. Si diverte a fare il risporto e a giocare con Giorgia a nascondino.

Da quando Zeus è entrato nella nostra casa e nelle nostre vite siamo tutti più felici, perchè ha portato amore e gioia nei nostri cuori.

Questo vi voglio augurare oggi e per tutti i giorni a venire: amore e gioia!

manu

Annunci

Ciambella soffice di Giorgia

Alla mia bambina piace molto cucinare con me, e a volte, quando i pomeriggi diventano pesanti e faticosi, una merenda fra un compito e l’altro è quella che ci vuole!

Oggi ha cucinato lei questa ciambella, facilissima da fare e molto buona, ideale appunto per l’ora di merenda o per la prima colazione.

Ingredienti:

3 uova intere

200 gr. di zucchero di canna

175 gr. di yogurt bianco greco

300 gr. di farina

150 ml di olio di semi

150 ml di latte

1 pizzico di sale

la scorza di un limone grattugiato

1 bustina di lievito per dolci

Preparazione:

mescolare con le fruste le uova con lo zucchero, fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungere lo yogurt, il latte e l’olio e in seguito la farina amalgamando bene il tutto. Per finire aggiungere sale, lievito e la scorza di limone.

Infornare e forno ventilato la torta a 145°C per 50 minuti circa.

Buonissima!!!

 

manu

Questo slideshow richiede JavaScript.

Travelers’s Company: il mio notebook

img_7721-1

Un regalo che mi sono fatta lo scorso anno è stato il Midori originale in regoular size, il traveler’s notebook della Traveler’s Company, nuovo nome del brand. Devo dire che ci ho pensato parecchio prima di acquistarlo: mi piaceva molto questo si, ma abituata alle agende ad anelli non credevo che il notebook fosse un sistema troppo adatto al mio modo di pianificare. Che dirvi? Me ne sono innamorata. Tanto che non ho più smesso di utilizzarlo.

Ho acquistato lo “starter kit” (fotografia sotto, fonte Traveler’s Company) dal negozio on line di cartopazzia più figo del web, Scraapbookstore.eu che se non conoscete vi consiglio di visitare (attenzione che è una droga però eh?!?). Ho fatto l’ordine ad agosto scorso, in occasione del mio compleanno. Ho scelto il color cammello, ma il colore è solo questione di gusto personale, sono tutti spettacolari. Arriva esattamente come lo vedete sotto, confezione, sacchettino, traveler’s e inserto bianco per iniziare. Il profumo della pelle è qualcosa di pazzesco!

sk_r_camel

Ho acquistato anche questo tipo di refill,  datato da luglio a dicembre 2017, con una settimana su due pagine e vista verticale (è l’insertooriginale della ditta). Credo sia stato proprio lui a farmi innamorare del traveler’s notebook.

img_9574

E devo dirvi che mi è piaciuto così tanto che ho preso i refill per tutto il 2018. Questa volta però, ho acquistato su Stilo & Stile (altro negozio di tentazioni e perdizioni).

2018-travelers-notebook-refill-weekly-vertical-regular-size-2

La cosa che mi piace di più di questo sistema, è il fatto di poter inserire vari quadernini a tema, che mi posso fare io a casa anche con dei semplici fogli bianchi, o che posso acquistare on line e poi stampare, per esempio su Etsy trovate tantissime ragazze creative che sfornano meraviglie digitali a più non posso. Oppure posso acquistare quelli originali o quelli di altri brand a seconda di ciò che più mi piace. Posso inoltre decidere di riempire il mio traveler’s fino a scoppiare, oppure posso farlo diventare magro magro a seconda delle necessità. Per esempio, quando lo porto in borsa inserisco sotto l’inserto settimanale così da non portarmi del peso eccessivo dietro.

Quando ancora non conoscevo il mondo dei notebook, leggevo di tantissimi ragazze che li adoravano e per molto tempo un pò le ho snobbate. Oggi invece mi ritrovo competamente d’accordo con loro, e devo dirmi che il mio autoregalo è stato proprio azzeccato!

E voi da che parte state? Agenda ad anelli, traveler’s notebook o entrambi?

A presto!

manu